comici

Paolo Cevoli

artisti / comici

FLESDENS 
Breve storia del cinema dai cavernicoli a Fast&Furious
E già dal titolo di questo nuovo spettacolo di Paolo Cevoli si capiscono tre cose.
1. Secondo il comico romagnolo il film più importante dell’intera produzione cinematografica mondiale è Flashdance (o meglio Flesdens per scriverlo come si pronuncia correttamente in Romagna)
2. Il cinema non l’hanno inventato i fratelli Lumière ma i cavernicoli. Infatti per fare cinema occorre una sala buia (quella volta di caverne ce n’erano tante), una fonte luminosa per proiettare immagini (i Neanderthalesi usavano il fuoco) ma soprattutto una storia da raccontare. 
3. Cevoli vuole divertire e al tempo stesso raccontare una sua visione del mondo. Questa volta parlando di cinema. Con un pot-pourri che va da James Bond ad Alejandro Jodorowsky. Da Fellini a “Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda”. Dal neo-realismo italiano a “Dalla Cina con furore”.

Durante lo spettacolo non vengono proiettate immagini o spezzoni di film. Racconta Cevoli, “gli spettatori si faranno il cinema nella loro testa. Come quando da bambino, il nonno ti raccontava le storie prima di addormentarti”. Non immagini ma tanta musica. Le più belle colonne sonore eseguite al pianoforte dal maestro Pietro Beltrani e interpretate dalla voce di Daniela Galli.

Regia Daniele Sala.
Produzione Roberto Gemelli.
Tecnica Davide Tagliaferri

_____________________________

BIOGRAFIA

"Ho cominciato a fare il comico per caso. Quelli di Zelig li conosco da tanti anni. Mi avevano chiamato diverse volte a fare della tv. A causa del mio lavoro, la famiglia e tante altre cosine gli ho sempre detto di no. Però l'anno scorso sono andato a Zelig. Non avevo mai fatto una serata di cabaret in locali o teatri. A differenza della maggior parte dei comici non ho mai fatto la gavetta. Ho debuttato a Zelig. Dicono che sono un comico "naturale". Non mi preparo, improvviso. La mia comicità nasce dall'osservazione. Da quello che ho vissuto. Per fortuna ho incontratro dei "maestri" che hanno saputo valorizzare le mie doti. Gino e Michele e Giancarlo. Per fortuna che ho incontrato Bisio che mi ha fatto da spalla. La spalla è uno che sa massimizzare le capacità di fare ridere del comico. E' al servizio." "Secondo me la comicità nasce da un rapporto. Meglio se di amicizia. Adesso faccio il comico a tempo pieno. Dopo la televisione ho scritto due romanzi comici. Non avevo mai scritto in vita mia. Mi piace molto scrivere. Soprattutto raccontare delle storie. Adesso faccio anche teatro. Non avevo mai recitato in vita mia. Mi piace molto il teatro. Si possono raccontare delle belle storie. Insomma il comico è un mestiere. Bisogna leggere, studiare, prepararsi. Secondo me la comicità si sviluppa in un lavoro. Come diceva uno (Edison), il lavoro dell'artista è per l'1% ispirazione e per il 99% traspirazione." "Non lo so perché una battuta fa ridere e un'altra no. Non lo so perché la barzelletta raccontata da uno fa ridere e da un altro no. Per me rimane un mistero. Se ci fossero delle regole sarebbero capaci tutti. Ci sono molti modi di ridere. Si può ridere con la testa, con la pancia, col cuore. Per me la comicità nasce dalla realtà. Da uno sguardo positivo sulla realtà. Checché se ne dica, la realtà è positiva. Innanzitutto perché c'è. Anche io ci sono. E questo non è poco. Lo stupore, la gioia e la gratitudine dell'essere." "Con questo cosa volevo dire? Non lo so, però c'ho ragione e i fatti mi cosano."